i miei… pregiati “non titolati”


già… per quale motivo chiamarli “meticci”, “incroci di razza e non”, oppure… cani senza pedigree? Sempre Pregiati sono!

Ognuno con le sue caratteristiche, eccezionali anche senza un “foglietto di carta” che li patenti tali.

La mia vita è cominciata con Kuss, il mio primo Cane. Incrocio di setter inglese e kurzhaar, cane di intelligenza sovraumana, ha dato filo da torcere a tutti gli accalappiacani di Como.

Kuss, mio compagno di adolescenza, mi ha accompagnato fino ai 29 anni, girando spesso libero per Como, conosceva tutte le strade, scorciatoie e nascondigli per sfuggire agli accalappiacani.

Obbligava tutti noi a nasconderci perchè ci pedinava fino a scuola o al lavoro! E non si riusciva a rimandarlo a casa, neppure accompagnato.. scappava e ci raggiungeva, poi si fermava fuori da scuola o dal posto di lavoro e, vedendo che non uscivamo, se ne andava tranquillo in giro per le strade di Como.

Litigate a non finire per attraversare le strade… già.. a lui era stato insegnato che si attraversava sulle strisce pedonali e, al semaforo, si attendeva il verde per i pedoni, e non transigeva! Non riuscivi a “fregarlo” se c’era il rosso per i pedoni, lui non si muoveva anche se vedeva la gente attraversare.. lui aspettava il verde!

Sapeva che mia madre faceva la spesa in un negozio, e l’aspettava fuori, come se sapesse quando sarebbe andata!

In mancanza di meglio aspettava i ragazzi fuori dalle scuole e li accompagnava a casa!

finito di fare il babysitter, andava in piazza del duomo e, tra una litigata col gatto del bar Aurora, tutti ricordano il gatto che rincorreva un enorme cane marrone, una rincorsa tra i piccioni, il ristorante “da Pietro” ha avuto l’onore di vederlo planare sopra ad un tavolo perfettamente apparecchiato, passava il tempo in attesa di andare a farsi un giro ai giardini a lago.

KimboA seguire c’è stato Kimbo, cane di canile, mezzo labrador, mezzo dalmata, il risultato? un cane che correva come il vento, con la pazienza che neanche i santi hanno, una dolcezza infinita!

Mi sono sempre chiesta per quale motivo l’avessero abbandonato, col tempo ho trovato la risposta: non era stato abbandonato! semplicemente… devono essersi stancati di aspettarlo!!!

Già Kimbo quando partiva a correre nei prati, perso in mezzo a tutti quegli odori, tipico dei retriever, non si accorgeva minimamente del passare del tempo, e neppure di essere fuori dalla portata di vista, ma è sempre tornato!

Spesso mi chiedono come fare a fidarsi a lasciare libero il cane “e se poi non torna?”

Balle! il cane torna sempre! quando un cane vive felice con le persone, torna sempre, i cani che scappano e non tornano sono di due tipi.

Il primo è quello che non è stato ancora “acclimatato” con i ritmi di vita dei suoi padroni, con i “percorsi di zona” (la regola è far conoscere al cane tutte le strade del rione/quartiere); il secondo è quello che… non ha trovato il “compagno ideale”! questo tipo di cane, continuerà a scappare fino a quando non troverà la persona giusta per lui!

Dopo di loro… sono arrivati i “rescue” e i miei adorabili, insopportabili e terribili schnauzer nani, ma… per i rescue apro un capitolo a parte con DollyDolly3

 

 

 

NinaASPETTO-IVANO-MAGGIO-2015

 

 

 

 

 

e Lyn San detta la meditativa!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...