gli animali ci guidano…

ci sono animali che non nascono a caso e, non a caso, diventano compagni insostituibili e, purtroppo, compianti…

Nella mia vita ne ho avuti molti, l’ultimo è stato GIOTTO, il mitico Giotto.

Giotto e la sua papera
Giotto e la sua Papera

Di Giotto ho già parlato, nato come Stupendo, così sta scritto sul suo pedigree, nel corso della sua vita è diventato Giotto.

Giotto Tremendo, Giotto Spericolato, Giotto Impavido come Braveheart, Giotto Innamorato, Giotto che mai pensavo mi avrebbe lasciato..

Giotto, innamorato di me, ha trovato il suo vero Amore in Lucia, se l’è scelta lui la sua compagna umana, fissandola dritta negli occhi come solo lui sapeva fare.

Voglio credere che questo fosse il suo compito in questa vita..

Alcuni dicono che i nostri affetti tornano sulla terra sotto altre “vesti” con il compito di accompagnarci verso una nuova vita.

Per Giotto deve essere stato per forza così! non c’è altra spiegazione!

Lui doveva accompagnare Lucia, aiutarla ad aiutare me e, quando ha ritenuto cessato il suo compito, ha deciso di allontanarsi da noi.

Giotto ci ha lasciati.. me, Lucia, Nicolò…

Io non riesco ancora ad accettarlo… guardo sua figlia: Emma, che ogni giorno gli somiglia sempre più, quasi che la morte, ecco l’ho detto, di Giotto, abbia prodotto in lei una trasformazione definitiva (già Emma un po’ gli somigliava) ed ogni volta che la guardo… dovrei sorridere come facevo quando vedevo “volare” Giotto.. ma mi viene una stretta al cuore..

No Giotto, mi dispiace.. non mi rassegno al fatto che non ci sei più.. GIOTTO ROSA DEI MARI

 

Pubblicità

la più bella cucciolata della mia vita

ughettail 28 maggio sono nati cinque cuccioli, già erano “speciali” per il fatto che sono nati dal mio Pepito e da Gina, detta anche scotch, per la sua passione sfrenata a starmi attaccata come una cozza, ma crescendo, sono diventati veramente cani incredibili.
Sia ben chiaro, quando dico incredibili, non mi riferisco alla bellezza, ma al loro temperamento.
i loro nomi Ulisse – Umba Uli – Uto Ughi – Ughetta e Conte Ugolino.
Ulisse ha già trovato la sua splendida famiglia e, direi che dalle notizie che mi mandano, è un “ometto” in gamba e dà tanta allegria.
Umba Uli ora si chiama Mia e già era un terremoto a casa, ora sta rivoluzionando il menage familiare dei suoi nuovi compagni di vita i quali sostengono che ha portato loro tanta gioia… proprio vero che a volte i terremoti servono!!!
Il Conte Ugolino, chiamato così per i suoi atteggiamenti “nobiliari”, andrà a casa il 10 di settembre e speriamo che sappia emulare i suoi fratelli e faccia felice un’altra famiglia.
Ughetta, detta l’asociale, perché ad ogni nuovo incontro di persone che cercano “la cucciola” li squadra, gli fa l’analisi e ogni volta decide che NON sono le persone giuste per lei… sigh! la vedo dura trovarle la famiglia!!!
Infine Uto Ughi… la copia perfetta di Pepito, stesso sguardo, stessa tempra, stessi atteggiamenti da “padre” in un soldo di cacio grande (oggi) esattamente la metà del padre!
Adoro tutti i cuccioli che, in questi anni, sono nati in casa mia, ma questa è una cucciolata speciale, come quella da cui sono tati caligola e giotto, e quella di dadina, con i quali hanno un denominatore comune.. la capacità di far ridere la gente.. e.. di questi tempi.. una risata allunga la vita!!!

chissà perchè… NON RISPONDONO PIU’!!!

chicco di campolmi
Multi Ch Blow like the Wind aka chicco – owner Alessandro Campolmi

  “buongiorno, volevo sapere se ha uno schnauzer,medio o gigante, disponibile”

Mmmhhh la domanda è posta correttamente, grammaticalmente parlando, anche la sintassi non è male, tuttavia 2 cose sono impostate male.

Oatis Boarnengos Jerminal aka Raja owner Anna Leporatti
Oatis Boarnengos Jerminal aka Raja owner Anna Leporatti

  La prima: medio o gigante???? c’è un abisso, caratterialmente parlando, e sto parlando della mia esperienza in queste 2 razze. Già, gli schnauzer sono in 3 taglie e 4 colori, ogni taglia è considerata, a livello di pedigree, una razza, ogni colore è una sottorazza.

I colori ammessi in giganti e medi sono nero e pepe/sale, anche se in russia si trovano, anche, giganti nero/argento.

Nei nani i colori sono nero – pepe/sale – nero/argento – bianco; ovviamente gli americani sono “particolari” per cui si stanno inventando il “particolour” che sarebbe un “bellissimo incrocio” di nero e bianco.. insomma un bellissimo schnauzer a macchie tipo mucche!

Faber  owner Stefano Gardinetti
Faber
owner Stefano Gardinetti

  Dal punto di vista caratteriale, e anche come temperamento, i nani, o mini, o zwerg, NON SANNO di essere NANI! Loro sono convinti di essere il RIESEN! Ovvero il GIGANTE! Sciocchi giocoglioni, passatemi il “parti-francesismo”, nani e giganti hanno le stesse identiche reazioni, caratteristiche. Mettere in un giardino un maschio Riesen ed una femmina Zwerg… può comportare l’impraticabilità del giardino agli estranei!!!

gina e io fb
questo è uno schnauzer  NANO NERO! non è BIANCO! non è PEPE/SALE!

  Tornando alla domanda principale, ovvero alla seconda cosa impostata male, che mi fa domandare: “COSA MI SCRIVI A  FARE?” insomma! ho un sito web, sono su facebook, su google, ho un blog dove PARLO SOLO DI NANI, ZWERG, MINI!!! Perchè mi chiedi un medio o gigante???

vabbè la mia risposta è stata: “Allevando mini.. difficilmente mi nascono medi… al limite… alle volte nascono mini fuori standard, come altezza, se vuole, posso valutare se ce n’è uno nella cucciolata, ma.. NON SARA’ MAI UNO STANDARD SCHNAUZER!!!”

L’altra domanda è, e per questa vi rimando al “pippone-blog, “VANNO BENE PER I BIMBI? .

QUESTO E' UNO SCHNAUZER BIANCO! è naturalmente Bianco!
QUESTO E’ UNO SCHNAUZER BIANCO! è naturalmente Bianco!

  E poi… vogliamo metterci quello che: “non avrebbe un cucciolo pepe/sale?” MA PER LA MISERIA!!! LO VEDI CHE SONO NERI???? OK, nelle esposizioni si vedono cani talmente neri che, farsi sorgere il dubbio che siano tinti, potrebbe non essere una illazione.. ma cavoli! dal nero al pepe/sale!!! Ma CHIEDIMELO BIANCO!!! PROVO A METTERLO IN CANDEGGINA!!!

Quella che più mi fa andare in bestia è: “QUANTO COSTA?” 

QUANTO COSTA???
QUANTO COSTA???

E che è? siamo al mercato? mi sa che mi devo aggiornare e cominciare a venderli a peso: un tanto al kg!! Dove, nel kg., è compreso tutto quanto ho messo nell’altro mio “pippone-blog” “SFATIAMO UN MITO”!!!

Ma, analizziamo la domanda, “quanto costa?” in queste 2 parole c’è tutto il menefreghismo di chi considera un cane alla stregua di un oggetto, non è interessato nè alla razza, nè, tantomeno, al carattere, a sapere se questo tipo di cane si attaglia o meno al suo stile di vita… quanta tristezza!!!

trilogy!
trilogy = SCHNAUZER MINI

  E sapete cosa rispondo a questa domanda? “il costo è pari al prezzo di un TRILOGY!!!”

MAH… CHISSA’ COME MAI NON RISPONDONO PIU’????? 🙂 eppure.. penso che un cane… forse (a discapito, ovviamente, del trilogy), sia equiparabile, in termini monetari, ad un oggetto inanimato di tale valore, sicuramente non è equiparabile in termini di “rendimento” perchè… un cane, e non parlo dei miei ma di qualunque cane, un “rendimento” te lo dà:  in termini di affetto, dedizione, fedeltà, amore che.. nè il trilogy, nè colui che eventualmente lo dona, potrà mai dare…

by Acunamatana di Maddalena Noseda